Addio, Takagi Sensei. Lutto nel mondo del Wado

Un altro grande maestro del Wado-ryu è venuto a mancare. Hideho Takagi Sensei, presidente della Commissione Tecnica della Japan Karatedo Federation Wado-kai, è morto dopo aver lottato a lungo contro un brutto male. Aveva da poco compiuto settantasei anni.Hideho Takagi, insieme al già compianto Toru Arakawa (scomparso nel 2015), è stato il massimo punto di riferimento tecnico per la JKF Wadokai, in Giappone e nel mondo, negli ultimi trent’anni. Sempre sorridente e disponibile, pronto allo scherzo e all’ironia, sapeva essere allo stesso tempo molto severo, a cominciare da se stesso. Di lui in Occidente si sa poco, perché non ha mai voluto rilasciare interviste. “Non ho nulla di interessante da dire”, si giustificava con le riviste specializzate che regolarmente tentavano di convincerlo.

I karateka che hanno avuto il privilegio di seguire le sue lezioni giurano che fosse il wadoka più veloce e preciso che abbiano mai visto, implacabile nel kumite e superbo nei kata. In gioventù ha partecipato a una sola competizione internazionale, vincendola. Il motivo per cui non ha gareggiato di più è che Hironori Ohtsuka, il fondatore del Wado, non era mai nella giuria. Tranne che una volta: quella a cui partecipò e vinse.

Hideo Tagaki, Giuseppe CarloniIl maestro Takagi era nato in Manchuria, in China, al tempo dell’occupazione giapponese, il 23 luglio del 1942. Nel 1953 era tornato nella madre patria, con la sua famiglia, stabilendosi a Tokyo, dove nel 1966 iniziò a studiare medicina (specializzandosi poi come dentista) alla Nihon University. Proprio lì conobbe Hironori Ohtsuka, che nella palestra dell’università teneva un corso di karate, e iniziò a praticare, sotto la sua guida, il Wado-ryu.

Bob Nash racconta che Takagi fu il primo a cui Ohtsuka disse di eseguire il passo del Seishan senza prima sbloccare (aprendolo) il piede anteriore, perché aveva capito che quel suo talentuoso allievo aveva introiettato l’essenza del movimento e poteva quindi sbarazzarsi di quel passaggio intermedio.

Giuseppe Carloni, Hideo Takagi, Roberto Danubio, Maurizio ParadisiHideho Takagi, 8° dan JKF Wado-kai e già membro del comitato direttivo della federazione di stile, rimase vicino a Ohtsuka fino alla fine, anche se, pochi mesi prima della morte del fondatore, quando il mondo del Wado si spaccò in due, scelse di rimanere nella JKF Wado-kai, di cui divenne in seguito la massima guida tecnica.

“Sento che il mio compito e dovere principale è quello di mantenere il Wadoryu vivo, facendo sì che le tecniche insegnateci da Hironori Ohtuska vengano eseguite correttamente e con efficacia”, confidava ai suoi collaboratori. E quelli che lo hanno conosciuto e che con lui si sono allenati possono testimoniare, ancora una volta, quanto bene ci sia riuscito.

 

 

La forza del Wado

Quando è arrivato il momento di ripartire e abbiamo cominciato il giro dei saluti di commiato, mi sono sorpreso a elargire baci, abbracci e parole di affetto anche alle persone con cui, per tutta la settimana, avevo scambiato (forse) un fugace sguardo o un cortese cenno della testa. Me le trovavo davanti, queste persone, e le sentivo dannatamente familiari nonostante di loro conoscessi a malapena la nazionalità. Sentivo che tra me e loro c’era ormai un legame, un legame vero, di quelli che nascono quando condividi un’esperienza decisiva; una specie di cameratismo spirituale, un’assonanza elettiva che travalica le convenzioni e non necessita d’altro che di se stessa, per sussistere. E così ho compreso un altro aspetto della forza di questa bellissima esperienza che è il Summer Camp Wadokai del maestro Roberto Danubio, di cui ho scritto anche qui e qui.

Il magnifico dojo del Summer Camp di DanubioCi sono cose che si afferrano al volo, altre su cui bisogna tornare più volte, per capirle davvero. Non credo dipenda dalle cose in sé. Dipende da noi. Ogni oggetto che incontriamo, lo conosciamo attraverso il filtro della nostra esperienza, e siccome la nostra esperienza va via via ampliandosi e modificandosi, la stesso oggetto, conosciuto in due momenti diversi della vita, ci appare diverso e diversamente capace di farsi assorbire. Per capire che questo appuntamento annuale, che si svolge sempre nella seconda settimana di luglio a Filzbach, tra le montagne svizzere, sta creando un nuovo senso di comunità tra i praticanti del Wado-ryu di tutta Europa – e che io ne faccio parte – mi ci sono volute tre edizioni.

Secondo lo Statuto del budo, il buon praticante di arti marziali è colui che mantiene una mente aperta e una prospettiva internazionale. La mente aperta serve a trarre profitto dal confronto con gli altri, la prospettiva internazionale a garantire che questo confronto sia il più ampio possibile. Il Wadokai Summer Camp di Roberto Danubio è permeato da questi due elementi. Quest’anno, per esempio, erano presenti wadoka provenienti da Svizzera, Italia, Finlandia, Svezia, Ungheria, Stati Uniti d’America, Grecia, Germania, Inghilterra, Irlanda e Belgio e, in quanto a istruttori internazionali certificati JKF, oltre a Roberto Danubio (che, ricordiamolo, è uno dei pochissimi non-giapponesi ad aver ricevuto il 7° dan nella Japan Karatedo Federation Wadokai), Alessandro Danubio (6° dan JKF Wadokai) ed Eveline Danubio (5° dan JKF Wadokai) c’erano anche Tracy Bob Foster (6° dan JKF Wadokai), Marc Rolli (5° dan JKF Wadokai), Giuseppe Carloni (5° dan JKF Wadokai), Benito Benitez (5° dan JKF Wadokai), Rolf Wirth (5° dan JKF Wadokai) e Daniela Eckerle (4° dan JKF Wadokai). In un contesto così, è praticamente impossibile non fare, ogni volta, qualche progresso.

Roberto Danubio, 7° dan JKF WadokaiMa alcuni progressi hanno bisogno di tempo, per palesarsi. Hanno bisogno che noi, come dicevamo prima, nel frattempo accumuliamo e modifichiamo la nostra esperienza. In ciascuna delle precedenti edizioni a cui ho partecipato mi sono accorto di aver avuto delle piccole, improvvise illuminazioni riguardo a questo o quel principio a me già noto, che però, fino a quel momento, avevo compreso soltanto a livello teorico. (Le arti marziali hanno questa caratteristica: per capire un principio, non basta comprenderlo teoricamente, con la mente e il pensiero, come se fosse un concetto filosofico o matematico. Bisogna che anche il corpo lo comprenda. E si può dire che il corpo lo abbia compreso solo nel momento in cui riesce, intenzionalmente, ad applicarlo). Ma l’illuminazione che ho avuto quest’anno è particolarmente preziosa, perché è il risultato dell’accumulo di anni di frustrazione, incomprensioni e fallimenti.

Sto per dirvi di cosa si tratta, ma vi avverto: rimarrete delusi. Penserete: tutto qui? Sì, tutto qui. Quel che solo quest’anno ho compreso con il corpo, pur avendolo capito molti anni fa con la mente, ha a che fare con la forza del Wado. O meglio, con il fatto che nel Wado non bisogna mai usare la forza, perché meno forza muscolare usi, più potenza riesci a generare. Si tratta di qualcosa che mi è stato ripetuto per quasi quarant’anni, e che a mia volta ho ripetuto incessantemente ai miei allievi. Qualcosa che avevo anche sperimentato e applicato nell’esecuzione delle tecniche e che, pertanto, credevo di aver capito. Mi sbagliavo.

Allenamento dei Pinan Kata!È successo proprio l’ultimo giorno, nell’ultima ora di allenamento. Stavamo eseguendo un kata. Le mie gambe e le mie braccia erano esauste e dolenti, le piante dei piedi arse e consumate da una settimana di allenamenti intensissimi, mattina e pomeriggio, senza possibilità di recupero se non nelle (poche) ore di sonno. Sentivo tutta la pesantezza di un corpo che avrebbe scambiato dieci anni di vita per un divano e mi sembrò, improvvisamente, di non potermi più muovere. Allora, una parte di me, ha ceduto. Come se mi avesse mandato al diavolo. Come se avesse mandato al diavolo tutto e tutti. E il corpo ha iniziato, d’un tratto, a volare. Fluiva leggero, senza più fatica, rapido e cristallino, facendo schioccare il mio dogi come non gli era ancora riuscito nei sei giorni precedenti. Era come se avesse smesso di cercare di applicare i principî del Wado (mudana dosa, fluidità, rilassatezza) e fosse diventato esso stesso quei principî. Un minuto di pura felicità.

Non so se questa illuminazione sarà permamente. Probabilmente no. Sento che la strada è ancora lunga. Ma non è questo che conta. Quel che conta è che ogni volta che torno dal Summer Camp di Roberto Danubio, torno arricchito, ispirato e ho sempre un buon motivo per tornarci l’anno venturo. Per continuare a coltivare questo sentimento di comunità che tanto mi sta diventando caro. E per comprendere, ogni volta, un nuovo aspetto della forza del Wado.

 

PS: Non perdete il seminario per istruttori del maestro Roberto Danubio a Roma!

 

 

Il karate e le arti marziali tradizionali potenziano le facoltà del cervello

di Ashleigh Johnstone
(Tratto e tradotto da questo articolo sul The Independent)

Allenamento per istruttori al Renshin Kan dojo di Weinfelden, SvizzeraSiamo tutti consapevoli dei molti vantaggi dell’attività motoria, come il miglioramento della forma fisica e della forza. Ma cosa sappiamo degli effetti specifici dei vari tipi di attività? I ricercatori hanno già dimostrato che, per esempio, il jogging può aumentare l’aspettativa di vita, mentre lo yoga ci rende felici. Tuttavia, esistono attività che vanno oltre il miglioramento della salute fisica e mentale: le arti marziali, infatti, possono anche aumentare le capacità di elaborazione e apprendimento del cervello.

I ricercatori dicono che ci sono due modi per migliorare l’attenzione: attraverso l’addestramento dell’attenzione (AT – Attention Training) e l’addestramento sullo stato di attenzione (AST – Attention State Training). L’AT si basa sulla pratica di un’abilità specifica e sul miglioramento di quell’unica abilità, non di altre. Per esempio, utilizzando un videogioco per l’allenamento mentale.

L’AST, d’altra parte, permette di entrare in uno stato mentale specifico che consente una maggiore concentrazione. Questo può essere fatto attraverso la meditazione o lo yoga, tra le altre cose.

È stato ipotizzato che le arti marziali siano una forma di AST e, a sostegno di questa tesi, recenti ricerche hanno dimostrato un legame tra pratica marziale e vigilanza migliorata. Sostenendo ulteriormente questa idea, un altro studio ha dimostrato che la pratica delle arti marziali, in particolare del karate, è legata a prestazioni migliori nelle attività che richiedono la cosiddetta attenzione divisa, ovvero la capacità di svolgere due o più mansioni nello stesso momento (multitasking).

Si tratta di test in cui la persona deve tenere a mente due differenti regole e rispondere ai segnali in base al fatto che siano uditivi o visivi.

Allenamento per bambini da 6 a 12 anni presso il dojo Wado Waza KarateIn uno studio statunitense, ai bambini di età compresa tra gli otto e gli undici anni è stato assegnato il compito di seguire corsi di arti marziali tradizionali incentrati sul rispetto delle altre persone e della difesa personale come parte di un programma anti-bullismo. Ai bambini è stato anche insegnato come mantenere un adeguato livello di autocontrollo nelle situazioni critiche.

I ricercatori hanno scoperto che l’allenamento nelle arti marziali ha ridotto il livello di aggressività nei ragazzi e che erano più propensi ad intervenire in aiuto di qualcuno che era stato vittima di bullismo rispetto a prima di prendere parte all’addestramento. […]

È interessante notare che questo effetto anti-aggressione non è limitato ai bambini piccoli. Un’altra ricerca ha riscontrato una riduzione dell’aggressività fisica e verbale, così come l’ostilità, anche negli adolescenti che praticavano le arti marziali. […]

Dato che molti scienziati stanno ora esaminando i legami tra benessere emotivo e salute fisica, è fondamentale notare che le arti marziali hanno dimostrato di migliorare anche il benessere emotivo di una persona.

Nel corso di un’ulteriore ricerca, quarantacinque adulti di età compresa tra i sessantasette e i novantatré anni sono stati divisi in tre gruppi e invitati, rispettivamente, a prendere parte a un addestramento di karate, a un addestramento cognitivo e a un normale addestramento fisico di tipo occidentale, per un minimo di tre e un massimo di sei mesi.

Pratica dei Tantodori, difesa tradizionale da coltello

Gli adulti nel gruppo del karate hanno mostrato livelli più bassi di depressione dopo il periodo di allenamento rispetto ad altri gruppi, forse a causa del suo aspetto meditativo. È stato anche riferito che questi adulti hanno anche mostrato un maggiore livello di autostima, dopo il periodo di allenamento.

Dopo aver confrontato un gruppo di controllo sedentario con un gruppo di persone che praticavano il karate, alcuni ricercatori italiani hanno scoperto che il karate può migliorare la memoria di lavoro. Hanno impiegato un test che comportava la memorizzazione e la ripetizione di una serie di numeri, sia nell’ordine corretto che all’indietro, che sono aumentati di difficoltà fino a quando il partecipante non è stato più in grado di continuare.

Il gruppo del karate era molto più bravo in questo compito rispetto al gruppo di controllo, nel senso che potevano ricordare e ripetere più serie di numeri. Un altro progetto ha trovato risultati simili confrontando la pratica marziale con il comune esercizio di tipo occidentale (allenamento di forza, durata e resistenza).

Evidentemente, c’è molto di più del semplice allenamento, nelle arti marziali. Sebbene siano state praticate per autodifesa e sviluppo spirituale per molte centinaia di anni, solo di recente i ricercatori dispongono degli strumenti scientifici per valutare la reale portata che queste pratiche hanno sul cervello. ♦ Read it in English → Independent.co.uk

Ashleigh Johnstone è ricercatore in Neuroscienze cognitive presso la Bangor University. La sua tesi di dottorato si intitola “Cognitive changes associated with martial arts practice – I cambiamenti cognitivi associati alla pratica delle arti marziali”.

Wado Spirit: lo spirito dell’armonia

Già altre volte vi ho parlato del M° Danubio e del suo Summer Camp, ma finora non vi avevo mai detto nulla del Wado Spirit, il seminario che si tiene ogni anno in dicembre nel suo dojo di Weinfelden, in Svizzera, a due passi dal lago di Costanza. E non vi avevo detto nulla perché non avevo mai avuto l’occasione di andarci, prima del 2 dicembre di quest’anno.

Weinfelden è una piccola città nel nord della Svizzera, capitale del cantone di Thurgau e nota a chi, come me, ama l’Hockey su Ghiaccio per essere la base operativa dell’HC Thurgau, una squadra di tutto rispetto che milita nella Swiss League. Ed è un importante centro del karate svizzero proprio grazie a Roberto Danubio, che da anni vi dirige il Renshin Kan Dojo. Vale la pena ricordare che il maestro Danubio, 7° dan JKF Wadokai, è presidente e capo-istruttore della SWKR – Swiss Wadokai Karatedo Renmei, l’associazione elvetica di Wado-ryu che fa riferimento alla Japan Karatedo Federation Wado-Kai. Dal suo dojo di Weinfelden sono usciti alcuni dei migliori wadoka in circolazione oggi in Europa. Niente male, per una cittadina di undicimila anime.

Arrivare a Weinfelden non è difficile. Quarantacinque minuti di automobile dall’aeroporto di Zurigo oppure pressappoco lo stesso tempo dalla stazione, sempre di Zurigo, per chi preferisce il treno. Io e i miei otto colleghi della WKSI presenti al seminario abbiamo affittato un Mercedes Vito, spendendo, a testa, meno del biglietto del treno. Oltre alla nostra, dall’Italia, c’erano delegazioni anche da altri paesi europei, come il Belgio e l’Irlanda. Ma forse vi starete chiedendo perché la sto tirando tanto per le lunghe, invece di entrare subito nel vivo del seminario. Ebbene, il motivo è che non è affatto facile raccontare il Wado Spirit. Il clima che vi si respira è speciale e l’intensità dell’allenamento, dell’approfondimento e delle relazioni umane è tale da dilatare il tempo e confonderlo nella memoria.

Cercherò di facilitarmi le cose cominciando dal nome che Roberto Danubio ha scelto per questo suo appuntamento annuale. Wado Spirit. Lo spirito del Wado. Un nome che suona dannatamente bene. Fatto che, da solo, ne giustificherebbe la scelta. Ma per chi conosce il M° Danubio non è difficile immaginare che, con ogni probabilità, non l’ha scelto soltanto perché è figo, ma anche perché, da solo, dice già molto riguardo agli obiettivi del seminario stesso. Wado è una parola composta da due ideogrammi (kanji, in giapponese) Wa e Do. Do significa via, mentre Wa ha moltissime sfumature semantiche e può essere tradotto con mitezza, l’atto di mettere insieme, unione, pace, armonia, somma, gentilezza. Perciò possiamo affermare che lo spirito del Wado corrisponde a quello della via che conduce a ciascuna di queste qualità.

Il Wado Spirit inizia all’ora di pranzo e finisce dopo il tramonto. Quattro ore filate di allenamento durante il quale il maestro concede giusto un paio di pause della durata non superiore ai due minuti. In quelle quattro ore l’intero programma del Wado-ryu viene praticato e approfondito tecnica per tecnica. Fatto che, da solo, dice molto del ritmo che bisogna sostenere durante questo appuntamento.

Oltre a Roberto Danubio, a guidare il seminario c’erano i maestri Alessandro Danubio, 6° dan JKF Wadokai, Eveline Danubio, 5° dan JKF Wadokai e Rolf Wirth, 5° dan JKF Wadokai. Erano presenti oltre settanta wadoka e il colpo d’occhio, se uno si guardava attorno, era impressionante. Il Renshin Kan è un dojo di duecento metri quadrati in perfetto stile giapponese. Di forma rettangolare, sui due lati lunghi ci sono da una parte il kamiza e dall’altra una parete di specchi che fa sembrare l’ambiente ancora più spazioso. Sulla parete del kamiza domina un impressionante torii in legno (il tradizionale portale d’accesso giapponese alle aree sacre) che rende l’atmosfera allo stesso tempo austera e accogliente. All’interno del torii, su una grande calligrafia giapponese incorniciata in legno di ciliegio campeggiano gli ideogrammi Wa e Do, e ai lati del torii sei calligrafie, tre a destra e tre a sinistra, elencano, in giapponese, i precetti del Dojo Kun, le tradizionali regole di comportamento del karate. Impossibile non rimanere affascinati dalla bellezza del Renshin Kan dojo. Specie quando settanta karateka vi si muovono rapidi, facendo schioccare all’unisono il tessuto dei loro dogi, scattando al suono secco e tagliente di un “ichi!”.

Abbiamo allenato i kihon, i kata e i kumite, procedendo, pressappoco, in quest’ordine. Ma, come sempre capita con i seminari della famiglia Danubio, non ci siamo limitati ad allenarci con il corpo. Abbiamo approfondito, ragionato, riflettuto sulle tecniche e sul significato del Budo. Ci siamo allenati anche con la mente e con lo spirito. E alla fine siamo andati tutti insieme a cena. Sì, perché è questa una delle cose speciali del Wado Spirit. Nel costo del seminario è incluso un Pizza Party nell’accogliente ristorante di un allievo di Roberto sensei, il mio amico Toni Cresta. Un’occasione ulteriore per conoscersi, scambiarsi informazioni, esperienze o semplicemente trascorrere insieme momenti sereni e conviviali, coltivando quello spirito di solidarietà, amicizia e armonia che, come abbiamo visto, è un pezzo importante dello spirito del Wado.

Quando il giorno seguente ce ne siamo dovuti tornare a Zurigo per prendere il nostro volo per Roma, da Weinfelden ho portato via con me un pezzo di quel Wado Spirit e la voglia di tornarci, l’anno venturo. Perché il bello delle cose belle è che quando le fai, poi, le vuoi rifare. Perciò ci vediamo l’anno prossimo, ragazzi. Per tenere vivo lo spirito del Wado.