La fedeltà del maestro

Contrariamente al pensiero di molti, non è l’allievo a dovere fedeltà al maestro, ma il maestro all’allievo. Come spiega Taisen Deshimaru nel suo testo sullo Zen e le Arti marziali, l’originario bujutsu (arte della guerra) divenne budo (via delle arti marziali) dopo l’incontro con la filosofia Zen. Con il passaggio da bujutsu a budo le arti marziali cessarono di essere solo metodi di combattimento per diventare un pecorso di crescita fisica, tecnica e spirituale intrisa di valori etici. L’adozione del pensiero e della pratica Zen espanse l’orizzonte dell’arte marziale così tanto da farla coincidere con la vita stessa, che altro non è se non un cammino lungo la via della conoscenza di sé e del mondo. È proprio dalla tradizione zen che ci è giunto questo detto: “Non seguire le orme dei saggi. Cerca ciò che essi cercarono”.

deshimaruQuesto motto non è soltanto un invito rivolto all’allievo, affinché si sforzi di cercare la propria via e percorrere il suo percorso con i propri passi. È anche un invito al maestro, affinché accompagni l’allievo fino al bivio dove la propria strada e quella di lui si separano. Là, proprio in quel bivio, dove i percorsi si dividono, il maestro saprà di aver adempiuto al suo compito, perché lì, dove prima c’era un solo ramo, ne è germogliato un altro, che renderà la chioma dell’albero ancora più fitta e rigogliosa.

Gravare i propri allievi del peso delle proprie insicurezze, chiamando fedeltà quel che invece è aspettativa di possesso, è forse il peggior servigio che un maestro possa rendere a se stesso. E benché sia indubbio che il buon allievo è colui che nutre sentimenti di gratitudine verso il maestro, è altrettanto certo che per essere davvero un buon allievo egli debba necessariamente restare fedele innanzitutto al suo proprosito di apprendere e ricercare, come è stato detto, ciò che i saggi cercavano.

zeneartimarzialiCome tra i primi notò Seneca, in pochi sono felici del proprio destino. Eppure io sono felice del mio, che mi ha concesso il privilegio di incontrare molti maestri. Di ciascuno conservo ricordi colmi di affetto. Alcuni di loro camminano ancora sulla loro via, e quando sono particolarmente fortunato mi capita di incrociarli di nuovo sulla mia. Poi ce ne sono di nuovi, incontrati a ogni bivio successivo, uomini e donne che fanno del loro meglio per accompagnarmi fino alla prossima biforcazione senza gravarmi di nulla.

E a ciascuno di loro resto fedele nel solo modo in cui un allievo può mostrare fedeltà ai suoi maestri: facendo del mio meglio per onorare, incarnare e far vivere quel che da loro mi è stato tramandato, arricchendone, se possibile, il contenuto, facendolo evolvere insieme a me stesso per poterlo a mia volta tramandare lasciando, se ne sarò degno – e con un po’ di fortuna, qualche orma da non seguire. Senza mai rinunciare a mettere in discussione quel che credo di sapere, senza nascondermi la verità su ognuna delle mie mancanze, ricominciando daccapo ogni volta che sarà necessario, anche quando sarò stufo e sentirò di non averne più la forza.

E restando sopratutto fedele ai miei allievi, sapendo che non sono e mai saranno miei, facendo sì che quanto prima comprendano di essere i veri maestri di loro stessi. Perché, come recita un altro detto Zen, si può di certo portare il bue al fiume, ma solo il bue può decidere di bere. Nella speranza che  un giorno possa nascere anche in loro questa sete inestinguibile e la voglia di iniziare a cercare da sé quel che i saggi cercarono.

3 thoughts on “La fedeltà del maestro

    1. Purtroppo anch’io, gentile Michele. Il punto sta nell’essere sempre fedeli a sé stessi. Quando si è allievi, la fedeltà consiste del profondere il massimo impegno nella ricerca del proprio percorso di crescita e sviluppo: questo può comportare, a volte, anche l’abbandono dell’attuale maestro per proseguire con un altro in grado di darci quel che di più necessitiamo. D’altro canto, la fedeltà del maestro consiste nel mettersi al servizio della crescita fisica, tecnica e spirituale dell’allievo, avendo premura di accompagnarlo, per dirla con Kalhil Gibran, fino alla soglia della sua mente. Un maestro consapevole sa quando il suo allievo ha bisogno di un cambiamento per progredire in una fase ulteriore, e sa quando è il momento di accompagnarlo da un altro maestro, più utile per la sua specifica ricerca, o di incitarlo a cominciare a camminare sulle proprie gambe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *