Il karate è meglio del fitness per potenziare attenzione, resilienza e reattività degli adulti

Uno studio apparso nel 2016 sul Journal of Sport and Health Science e diffuso dal sito web sciencedirect.com ha comparato l’efficacia di due diversi metodi di allenamento sulla funzionalità cognitiva degli adulti in età avanzata: il karate, da una parte, e il normale fitness dall’altra. Ecco una sintesi dello studio, che, per chi volesse approfondire, è consultabile integralmente, in lingua inglese, al seguente link: Comparing the effectiveness of karate and fitness training on cognitive functioning in older adults: A randomized controlled trial.

Lo studio scientifico: Premessa

“Studi recenti dimostrano che attraverso l’allenamento aerobico in età avanzata si può rallentare il deterioramento della funzionalità cognitiva. È dimostrato che la combinazione di esercizi aerobici, di equilibrio e di coordinazione porta a un miglioramento o al mantenimento delle funzioni cognitive. Tali esercizi si possono trovare specialmente nelle arti marziali dell’Asia orientale. Lo scopo di questo studio è verificare se la pratica del karate per gli anziani ne migliora il funzionamento cognitivo e, se è possibile riscontrarlo, quali sono i campi cognitivi coinvolti”.

Metodo d’indagine

“Ottantanove donne e uomini anziani (età media: 70 anni) hanno partecipato a questo studio. I partecipanti sono stati suddivisi casualmente in due gruppi di lavoro (gruppo di karate e gruppo di fitness) e un gruppo di controllo. Tutti i partecipanti hanno dovuto eseguire una serie di test cognitivi prima dell’inizio e subito dopo la fine del periodo di allenamento controllato, che è durato cinque mesi. In uno studio successivo, il gruppo di karate è stato sottoposto a un ulteriore intervento di altri cinque mesi”.

Evidenze scientifiche

“I risultati dimostrano che vi è un significativo miglioramento della reattività motoria, della tolleranza allo stress e della cosiddetta “attenzione divisa” solamente per il gruppo sottoposto al periodo di allenamento di karate. Inoltre, i risultati dello studio successivo indicano ulteriori miglioramenti dopo dieci mesi di pratica continuativa”.

Conclusioni

“La pratica del karate può aiutare a migliorare l’attenzione, la resilienza e il tempo di reazione motoria già dopo un periodo di cinque mesi, ma con un periodo di allenamento esteso a dieci mesi i risultati sono ancora più evidenti”.

Questo studio si inserisce coerentemente in una lunga serie di indagini scientifiche condotte nell’ultimo decennio, dalle quali si evince che le arti marziali tradizionali e, nella fattispecie il karate tradizionale giapponese, riescono, più di altre discipline, sport e metodi di allenamento, a produrre significativi miglioramenti fisici, mentali e spirituali nei praticanti di tutte le età.

Autori dello studio

Kerstin Witte, Department of Sport Science, Otto-von-Guericke-University, Magdeburg 39104, Germany
Siegfried Kropf, Department for Biometrics and Medical Informatics, Otto-von-Guericke-University, Magdeburg 39120, Germany
Sabine Darius, Department of Occupational Medicine, Otto-von-Guericke-University, Magdeburg 39120, Germany
Peter Emmermacher, Department of Sport Science, Otto-von-Guericke-University, Magdeburg 39104, Germany
Irina Böckelmann, Department of Occupational Medicine, Otto-von-Guericke-University, Magdeburg 39120, Germany

Cosa ne pensi?