Da uno specialista per gli specialisti: il nuovo seminario di Roberto Danubio per soli istruttori

Insegnare e allenarsi non sono la stessa cosa. Ciò nonostante, di solito i seminari di karate sono rivolti indistintamente sia agli istruttori sia ai semplici praticanti. Non c’è nulla di sbagliato in questo, chiariamolo subito. Mettere assieme persone con diverse capacità e ruoli differenti consente di confrontarsi e condividere dubbi e certezze, favorendo una più rapida crescita in chi di solito è allievo e una maggiore consapevolezza di chi di solito insegna. Ma proviamo a pensare, per un attimo, a un seminario dedicato esclusivamente agli istruttori, uno stage progettato da uno specialista per degli specialisti, da un allenatore per altri allenatori che, come lui, condividono il compito dell’insegnamento del karate e della trasmissione della propria conoscenza ed esperienza. Non sarebbe desiderabile? Non sarebbe utile?

Roberto Danubio sensei, 7th dan JKF Wadokai, deve aver pensato di sì. Perciò ha progettato una full-immersion di tre giorni fatta su misura per gli insegnanti di karate. E dopo averla frequentata posso assicurarvi che aveva ragione.

Il Seminario Internazionale di Wado-Kai Karate per Istruttori, tenuto da Danubio, si è svolto a Dublino, dal 29 settembre al 1 ottobre, ed è stato uno splendido weekend all’insegna del karate, dell’amicizia e della convivialità. Ma cominciamo dall’inizio.

Sono atterrato a Dublino venerdì 29, insieme ad altri sei amici e colleghi della WKSI – Wadokai Karatedo Shin-Gi-Tai Italia, il branch italiano della Japan Karate-do Federation Wado-Kai, per scoprire subito che l’hotel in cui ci avevano sistemati era, semplicemente, magnifico: un enorme Country Club immerso nel verde della campagna irlandese, a venti minuti dal centro della città. Wow. Ed è stato piacevole scoprire che anche tutti gli altri partecipanti al seminario erano sistemati lì. Ne conoscevamo già diversi, ma è stato bello incontrare tanti nuovi amici di karate provenienti da ogni parte d’Europa. In ogni caso, abbiamo avuto appena il tempo di appoggiare la valigia nella stanza e di indossare rapidamente il karategi prima che il seminario cominciasse.

Eravamo ospiti del dojo di Jimmy Harte, istruttore della JKF Wado-Kai e persona di rara premura e gentilezza. Sul tatami c’erano istruttori provenienti da Austria, Belgio, Gran Bretagna, Finlandia, Italia, Svezia, Svizzera e, ovviamente, Irlanda. Dipendesse dal karate, l’Europa sarebbe già unita, senza il bisogno di trattati e monete. Probabilmente non solo l’Europa, ma il mondo intero.

Come al solito, gli allenamenti di Roberto Danubio sensei si rivelano rudi ma allo stesso tempo limpidi e puri, sfiancanti ma in qualche modo rigeneranti. E, come al solito, ogni allenamento comincia dalle basi: ovvero i kihon. Sembra che nell’idea di karate del maestro Danubio i kihon siano ben lontani dall’essere considerati roba per principianti. Una buona traduzione di kihon potrebbe essere “fondamentali”, ma in Occidente viene reso spesso con le espressioni (forse fuorvianti) di “esercizi di base” o “esercizi elementari”. Qualcuno potrebbe pensare che, visto che sono cose elementari, allora vanno bene per i principianti e le cinture inferiori ma non sono degne dell’attenzione di una cintura nera di una certa esperienza. Danubio ci ha chiaramente fatto capire che questo atteggiamento è sbagliato, punto. “I kihon sono le fondamenta dell’edificio del karate”, ci ha detto. “Se sono buone e forti, allora l’edificio sarà stabile e potrà essere costruito alto. Altrimenti, collasserà sul suo stesso peso, prima o poi”. Questa non è una prerogativa del karate: anche i professionisti dell’NBA praticano  dribbling, passaggi, tiri liberi e tiri al volo durante ogni seduta di allenamento. Quelli sono i loro fondamentali, e li praticano costantemente per mantenere e migliorare le qualità tecniche, ben più complesse, necessarie in una partita di basket. Pertanto, abbiamo passato un bel po’ di tempo allenando il sonoba tsuki, il sonoba keri e il sonoba uke, concentrandoci su hikite, hikiashi, rotazione delle anche, flessione delle ginocchia, retroflessione del bacino ed equilibrio. Ed è stato davvero sorprendente, per me, realizzare quante delle cose che davo per scontate, invece, non lo sono affatto.

Seguendo la stessa impostazione, Danubio sensei ha insistito molto sugli Ido Kihon del programma Wado-Kai (junzuki, gyakutsuki, kette junzuki, kette gyakuzuki, junzuki no tsukkomi, Gyakuzuki no tsukkomi, kette junzuki no tsukkomi, kette gyakutsuky no tsukkomi, tobikomi tsuki, nagashi tsuki) e sui Kata Pinan. Ovviamente, nel corso dei tre giorni, abbiamo praticato anche qualche kata superiore, ma il focus è sempre rimasto sui fondamentali e sui Kata Pinan. E al riguardo qualche parola voglio spenderla.

Molte delle cinture nere che conosco sono alla costante ricerca di nuove tecniche da imparare e, di solito, si mostrano interessate alla pratica dei soli kata superiori. Non sto criticando questa attitudine né intendo dire che sia sbagliata: è giusto che ciascuno pratichi quel che preferisce, come preferisce. Ma pensiamo un attimo a qual è il compito di un maestro di karate e a quali sono le cose che deve insegnare ai suoi allievi per far sì che diventino dei solidi karateka. Pensiamo da cosa dipende la qualità dell’edificio del karate dei suoi studenti. E inevitabilmente saremo costretti ad ammettere che un seminario dedicato ai soli istruttori, paradossalmente, dovrebbe occuparsi soprattutto dei fondamentali.

Ma progettando questo seminario il maestro Danubio non si è limitato a questo. Infatti, lo ha impostato come un’opportunità di confronto e condivisione, coinvolgendo attivamente i partecipanti. Tutti noi, a turno, siamo stati chiamati ad esprimere il nostro punto di vista su una tecnica, una spiegazione, un’interpretazione e così via. Fatto che ha reso il seminario ancora più interessante e coinvolgente.

“Se praticate da venti o trent’anni e non siete maestri, be’, allora nel vostro karate c’è qualcosa che non va”, ci ha detto Danubio durante una pausa. “Avere degli allievi è importante, perché è la nostra opportunità di restituire quello che a suo tempo abbiamo ricevuto dai nostri maestri. È la nostra occasione per contribuire alla tradizione. Perché tradizione non significa diventare una copia del nostro maestro. Tradizione è camminare sul sentiero, ma anche proseguire sul sentiero, andare più avanti. Questo è il nostro dovere. Ed è importante farlo attraverso la pratica e i fatti, non solo a parole. È così che funziona, il Budo”.

Quando sono ripartito, alla fine del terzo giorno, ero carico di tanta roba nuova (e fortunatamente non era roba che necessitasse di un’ulteriore valigia). Mi sono portato a casa nuova consapevolezza, nuove conoscenze, nuove interpretazioni, nuove applicazioni, nuovi esercizi. Ma soprattutto, nuovo desiderio. Desiderio di tornare allo studio, alla pratica, allo spirito del Budo. Desiderio di tornare dai miei allievi e condividere tutto questo con loro.

Grazie, Danubio sensei. Davvero un buon lavoro, come al solito. Ci vediamo al prossimo seminario.

 

La delegazione italiana al Seminario Internazionale di Wado-Kai Karate per soli Istruttori con Roberto Danubio sensei, 7° dan JKF Wadokai – Dublino, 29 settembre – 1 ottobre 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *